Doctor Magister in Ec(h)onomics

Milano, Mercoledì 9 Luglio 2008 ore 11:10
Il Grande Giorno
Università Cattolica del Sacro Cuore
 
 
Desidero ringraziare tutti quelli che hanno partecipato a questo mio primo traguardo e  tutti coloro che si sono ricordati!
Grazie ancora a tutti.
 
M. Malinverno
Così scrivevo, ormai poco meno di due anni fa, al raggiungimento della laurea triennale presso l’Università Cattolica di Milano. Così oggi, a due giorni di distanza da un’altra grande emozione, torno a scrivere di un altro "Grande Giorno", o, visto che si è molto international, del "Great Day".
Ma iniziamo con la cronaca di questa che è stata una fra le giornate più emozionanti e soddisfacenti forse più per la mia famiglia che per me; la sveglia suona presto, sono le 5:50 di un mercoledì matina che si preannuncia lungo; mi alzo, comunque riposato, carico e pronto per guardare in faccia la realtà. Mi cambio, ci dividiamo in due macchine: Matteo, Mamma, Zia, Michela e io andiamo fino in Cattolica in macchina, Papà, Zio e mamma di Michela, vanno a Lampugnano.
Arriviamo, parcheggiamo, grattiamo il grattabile e ci avviciniamo, per l’ultima volta, all’università: non prima di aver salutato per un poco quel Collegio Marianum che è stato il punto di riferimento di quest’ultimo periodo da tesista, dato che il prof. Molteni aveva lì lo studio.
Ci raggiungono in uni anche Oscar e Zia Hanneke, con cui inganniamo l’attesa, per poi aspettare anche tutti i miei amici (si, nel vero senso della parola) che mi hanno accompagnato verso la discussione: come dimenticare il Grande Jack, Serena, Linda, Umberto (che per me ha preso un giorno di ferie), Licia e tutti coloro che anche e solo col pensiero mi sono stati vicini in questo giorno.
Poi, come di consueto, non poteva mancare la tribolazione dell’ordine di presentazione: è stato stravolto l’ordine di discussione, così da 4° sono passato a 7°. Comunque tutto sommato ero abbastanza tranquillo, non ero teso, ero sicuro delle mie possibilità.
Così, alle 11, sono stato chiamato, e dopo una grande introduzione del prof. costellata anche da domandine precise dello stesso, ho presentato La Social Entrepreneurship nel contesto italiano, dopodichè siamo tutti usciti per quei 2 minuti interminabili in cui la Commissione si riunisce, e decide sul da farsi…
Suona la campanella, rientriamo ed il presidente di commissione, che è anche il mio correlatore, prof. Molteni, in piedi con tutti gli altri inizia a pronunciare le fatidiche parole: "La Commissione, dopo aver sentito la presentazione del candidato, ha deciso di conferirgli il punteggio di 110 E LODE" (Applauso!) "Pertanto, con i potermi conferitimi dal Magnifico Rettore, io lo nomino Dottore Magistrale in Management per l’impresa" (Stretta di mano e congratulazioni). Ce l’ho fatta! Ce l’ho fatta!
La sensazione che provi è stranissima: nel momento in cui aspetti il verdetto (perchè di verdetto si tratta), ti isoli col mondo esterno, da tutto e da tutti, come quando si dice "anche se dovesse cadere una bomba atomica, non me ne accorgerei neanche!"; dopo di che, quello che ti viene in mente è tutto il percorso che ti ha portato a questo risultato in un flash di 5 secondi: mi è passato accanto tutta la storia di questa tesi, dagli inizi del progetto, fino alla sua conclusione, trionfante.
Adesso, posso anche togliermi, come promesso, qualche sassolino dalla scarpa, perchè è necessario, doveroso. Adesso qualche voto lo do io…
 
1° ANNO
Economia Aziendale (prof. Marco CONFALONIERI): per tutti "il Confa", come persona non gli daresti neanche 5 centesimi, comunque come professore si è dimostrato sempre molto chiaro e preciso. Peccato che si sia circondato da due assistenti incapagni ed ignoranti, prof. Scazzini e prof. Fasana, che invece di farti imparare la partita doppai (eh si, intelligentoni, non tutti vengono da ragioneria…) pensavano a perdere tempo alla sera. Che inutili, eppure sono ancora professori: mah… VOTO: 6
 
Economia Politica I (prof. PIERPAOLO VARRI): come professore, anche qui, fa un programma tutto suo, ma di voti mamma quanto è stretto! il suo assitente prof. Serafino Parazzini non era male, e sicuramente molto più disponibile e in gamba del docente di cattedra. E’ il classico professore che da 40 anni dice sempre le stesse cose; e vuoi non addormentarti??? VOTO: 4
 
Istituzioni di Diritto Privato (prof. Vincenzo MARICONDA): avete presente il peggior siciliano sulla faccia della terra? il più maleducato, pieno di sé, tappo, arrivista, di tutti? Ecco, forse avete una vaga idea dell’inutilità della materia (e della persona)… dal Bossi lo mando a lavorare… VOTO: 1
 
Organizzazione Aziendale (prof. Domenico BODEGA): sicuramente il corso più interessante di questo primo anno, con un profesore a cui piace fare molto il protagonista ma comunque che ne sa tanto. VOTO: 7
 
Matematica Generale (prof. Oliva MELCHIORI): la cara vecchina che ci faceva questo esame era brava anche se un po’ menefreghista; la sua assistente, che ci faceva le esercitazioni, dott. Maria Grazia Messineo, invece era brava anche se moooolto pignola agli esami, soprattutto orali. VOTO: 6
 
Storia Economica (prof. Mario TACCOLINI e prof. Alberto COVA): il corso, anche se non dei più interessanti, aveva il mitico Rondo come libro; la seconda parte, col preside di facoltà, sicuramente è stata più interessante; consigliato. VOTO: 6,5
 
Informatica Generale (prof. Maria MEGALE): anche questa professoressa era molto ma molto brava, l’unica cosa è che è la classica che fa tanto la carina ma poi ti boccia: metodo d’esame discutibile. VOTO: 6
 
2° ANNO
Politica economica (prof. Giacomo VACIAGO): grande professore (ci ho fatto la tesina triennale) anche se molto spiccio. Non ho ancora capito l’utilità degli approfondimenti del cultore della materia dott. Monticini: mah.. VOTO: 8
 
Metodologie e determinazioni quantitative d’azienda (prof. Franco DALLA SEGA): di sicuro l’esame più ostico del secondo anno, ma il professore (non si è ancora capito di che natura sia) aveva due assistenti.. mamma! il limone è dolce in confronto (dott. Bruno e De Marco) VOTO: 4
 
Statistica I (prof. Luigi SANTAMARIA): grandissimo questo professore: lui si che sa come spiegare e anche, perchè no, far piacere una materia ostica come la statistica; molto brave anche le assistenti. VOTO: 8
 
Spagnolo (prof. Maria CAMPOS): alla faccia di quelli che dicono che non si può studiare una lingua straniera in Italia: lei era davvero bravissima e anche se poco e un’infarinatura, ci ha fatto imparare la lingua spagnola. VOTO: 9
 
Diritto Commerciale (prof. Duccio REGOLI): solo due parole, mitico Duccio… articolo dumiladuscento.. un mito… altro che quell’ignorante di Mariconda… VOTO: 8
 
Economia delle Aziende di Credito (prof. Paola FANDELLA): Fandella FOR PRESIDENT! VOTO: 8
 
Economia e gestione delle imprese (prof. Antonio CAPALDO): penso che sia il corso più inutile e che mi ha lasciato meno in tutti e 5 gli anni; tu guardi Capaldo e pensi: può essere lì ad insegnare solo perchè è imparentato con qualcuno.. non può essere un professore…  VOTO: 2
 
Matematica Finanziaria (prof. Anna TORRIERO): anche qui dici, cavolo allora esiste un professore, in questo caso professoressa, che fa piacere la matematica? Bravissimo anche il mitico Gabriele Bolamperti. VOTO: 8
 
3° ANNO
Programmazione e controllo (prof. Alberto POGNA): un altro gran professore con un corso comunque non semplice; bravissima anche la sua assistente, la Laura Pausini dei Poveri! VOTO: 7
 
Finanza Aziendale (prof. Stefano BOZZI): vedi quanto detto su Capaldo: a lezione faceva tutto, incasinato, meno quello che serviva per l’esame: ma è normale? Ma cazzo con tutti i soldi che spendo in questa università, è possibile avere sti cani come professori? Ma cacciateli.. VOTO: 2
 
Strategia e politica aziendale (prof. Claudio DEVECCHI): il professore che tratta tutti come delle merde senza accorgersi che lui è… va completate voi la frase. Per la serie "c’è Dio, poi vengo io", dovrebbe trovare qualcuno che spezza le ali del successo sia a lui che ai suoi innumerevoli seguaci leccaculo. VOTO: 4
 
Economia Industriale (prof. Enzo PONTAROLLO): bravissimo professore e a me le lezioni sono piaciute tantissimo; forse perchè sostanzialmente l’argomento mi interessava; pòoi la sua assistente è un pezzo di pane… davvero! L’unica cosa è che è strettino con i voti! VOTO: 8
 
Microeconomia (prof. Luigi FILIPPINI): un cretino per antonomasia, un corso inutile che viene probabilmente tenuto per non lasciare disoccupata questa persona: ma si noi facciamo beneficienza in cattolica; che corso e uomo inutili… VOTO: 1
 
Organizzazione dei Sistemi Informativi Aziendali (prof. Rita BISSOLA): bravissima professoressa davvero: se segui le lezioni con lei, satudi solo gli appunti che sono perfetti. magari fossero tutti come lei! VOTO: 9
 
Marketing (prof. Giovanni COVASSI): ma è o no il marito della Sebastiani? Se sì, mamma che stomaco… a parte questo, non ho molto da dire su questo corso, se non che il prof. Marino, assistente, è di una pesantezza che neanche la Polenta Concia il 15 di Agosto lo sa essere… VOTO: 6
 
4° ANNO
Economia Monetaria (prof. Giacomo VACIAGO): vedi sopra. VOTO: 7
 
Economia del Mercato Mobiliare (prof. Agostino FUSCONI): ma allora esiste! doveva anche farci aziende di credito ma non si è mai visto, comunque questo corso è stato molto interessante e poi FANDELLA FOR PRESIDENT! VOTO: 8
 
Strategia e Politica Aziendale (Corporate Strategy) (prof. Mario MOLTENI): bellissimo il corso, bravissimo il professore, di sicuro il migliore di tutti questi 5 anni; l’unica cosa è che lui è un po’ troppo sbrigativo certe volte. VOTO: 10
 
Economia del Mercato Mobiliare II (prof. PAOLA FANDELLA): vedi sopra. VOTO: 9
 
Comportamento Organizzativo (prof. Domenico BODEGA): bravissima la sua assistente Rita Bissola, ma comunque anche l’esame, l’unica cosa è che sono stati molto impegnativi i lavori di gruppo. VOTO: 9
 
Diritto Industriale (prof. Giorgio FLORIDIA): giudicate voi un professore, anche lui dell’Africa del Nord, che fa un esame uguale per tutti, e siccome tutti danno la stessa risposta più o meno identica, si giustifica dando voti mediocri: ma è normale: da eliminare! VOTO: 3
 
Economia dell’Innovazione (prof. Laura SOLIMENE): un pezzo di pane di donna, davvero una mamma; devo però ammettere che la materia non è poco pesante, anzi… però magari tutti i professori avessero il suo carattere! ti mette proprio a tuo agio. VOTO: 9
 
5° ANNO
Finanza Aziendale (corso progredito) (prof. Lorenzo CAPRIO): allora Lory, già insegni un corso incasinato di per sè, se poi vieni e non fai neanche gli esercizi a casa e ti prepari la lezione, come cavolo fai a pretendere che riusciamo a seguirti? E poi Del Giudice, quella pettinatura non è più di moda dai tempi dei Beatles… VOTO: 7
 
Gestione delle Risorse Umane (prof. Luigi MANZOLINI): il sig. "vedremo, faremo, diremo…" è un grande, però si lega molto alle persone; si deve capire come persona, però è sempre un grande. uno dei migliori. VOTO: 9
 
Storia Economica II (prof. Aldo CARERA): anche questo prof, soporifero, ma comunque bravo, poi la classe era mezza vuota, per cui era bello comunque da seguire. VOTO: 8
 
Marketing II (Trade Marketing e Marketing Internazionale) (prof. Roberta SEBASTIANI e prof. Edoardo STAITI): la prima parte direi inutile e anche da eliminare, la seconda con Staiti è stata interessantissima col professore che dovrebbe tenere tutto il corso. altro che Brandstorm!! VOTO: 8
 
Dovevo togliermi qualche sassolino….
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Doctor Magister in Ec(h)onomics

  1. Sara ha detto:

    Anche tu neolaureato alla Cattolica e anche tu hai avuto il grande Confa e  e Carera… Complimenti!

  2. Cristina ha detto:

    Congratulazioni!

  3. ╬✞Nadir spaces ha detto:

    Neruda
    Per il mio cuore basta il tuo
    petto,
    per la tua libertà bastano le mie
    ali.
    Dalla mia bocca arriverà fino al
    cielo
    ciò che stava sopito sulla tua
    anima.
    E\’ in te l\’illusione di ogni
    giorno.
    Giungi come la rugiada sulle
    corolle.
    Scavi l\’orizzonte con la tua
    assenza.
    Eternamente in fuga come
    l\’onda.
    Ho detto che cantavi nel vento
    come i pini e come gli alberi maestri
    delle navi.
    Come quelli sei alta e
    taciturna.
    E di colpo ti rattristi, come un
    viaggio.
    Accogliente come una vecchia
    strada.
    Ti popolano echi e voci
    nostalgiche.
    Io mi sono svegliato e a volte migrano e
    fuggono
    gli uccelli che dormivano nella tua
    anima.
    x
    tebuona domenica aricyaonadir

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...