22-28/01/2007 – ISU European Figure Skating Championships – Warsaw POL

22-28/01/2007
ISU EUROPEAN FIGURE SKATING CHAMPIONSHIPS – WARSAW – POL

 

                      
  Il programma corto, Canon D by Pachelbel                                    Il programma lungo, Memoires of a Geisha

 

Risultati finali
 
Individuale Femminile
Ranking Name                            Nat.    Points    SP FS 
    1       Carolina KOSTNER      ITA    174.79   2   1
    2       Sarah MEIER                 SUI     171.28    1   2
    3       Kiira KORPI                   FIN     151.19    5   4
    5       Valentina MARCHEI     ITA    144.28  12  3
 
 
La campionessa Europea 2007, Carolina Kostner
Individuale Maschile
Ranking Name                            Nat.    Points   SP FS 
    1       Brian JOUBERT               FRA    227.12  2   1
    2       Tomas VERNER              CZE    212.69  1   3
    3       Kevin VAN DER PERREN  BEL    204.85  4   2
    7       Karel ZELENKA            ITA    191.73 8  7     
 
Il neocampione Europeo, il francese Brian Joubert
Ice Dancing – Danza
Ranking Name                                                      Nat.  Points   CD OD FD 
     1      Isabelle DELOBEL/Olivier SCHOENFELDER  FRA  199.47    1   1   2 
     2      Oksana DOMNINA/Maxim SHABALIN          RUS  199.16   2   2   1
   
     3      Albena DENKOVA/Maxim STAVISKI           BUL   193.73   3   3   3
     6      Federica FAIELLA/Massimo SCALI      ITA   170.26  4   5   6
     8      Anna CAPPELLINI/Luca LANOTTE        ITA   155.28  9   8   11
 

  
La coppia campione europea di danza, Isabelle Delobel/Olivier Schoenfelder
 

Coppie 
Ranking Name                                                                    Nat. Points   SP FS 
     1      Aliona SAVCHENKO/Robin SZOLKOWY                     GER 199.39   1   1                                    
     2      Maria PETROVA/Alexei TIKHONOV                           RUS 179.61   2   2
     3      Dorota SIUDEK/Mariusz SIUDEK                             POL  170.91   3   3
     9      Laura MAGITTERI/Ondrej HOTAREK                  ITA  130.15  9  8
 
 
L’elegante coppia tedesca, Aliona Savchenko/Robin Szolkowy,
neo-campioni Europei. 
 
Che dire, un Europeo magnifico! La medaglia d’oro di Carolina Kostner, l’ottima prestazione di Anna Cappellini e Luca Lanotte, la concretezza di Laura Magitteri/Ondrej Hotarek

, il libero fenomenale di Valentina Marchei, gli ottimi passaggi di Federica Faiella e Massimo Scali…Davvero un grande Europeo, che l’anno prossimo, a Zagabria, permetterà di portare:

– Individuale Femminile: 3 posti invece che due;
– Individuale Maschile: 2 posti invece che uno;
– Coppie: 2 coppie anzichè una;
– Nella Danza, invece, per un posto, le coppie saranno ancora due.
Ma passiamo alle gare: come è tradizione, le prime medaglie ad essere assegnate sono quelle della coppia, dove Aliona Savchenko e Robin Szolkowy hanno vinto l’oro, davanti agli ottimi rientranti russi Maria Petrova/Alexei Tikhonov e il bronzo invece agli idoli di casa Dorota Siudek/Mariusz Siudek, che hanno pattinato per primi nel gruppo degli atleti migliori. Hanno esaltato la folla con un’ottima interpretazione di una musica di Frederich Chopin, che ha incluso un doppio Axel-doppio toeloop. Maria e Alexei hanno fatto degli interessanti sollevamenti, un triple twist e un triplo loop e un Salchow nel loro "Moonlight Sonata". I tedeschi, invece, hanno pattinato sulla celeberrima "The Mission", con degli splendidi tripli flip, e una sequenza di tripli toe, che gli sono valsi il loro nuovo personal best (134.01).
Per quanto riguarda l’individuale maschile, la gara è stata sia molto emozionante che di alto livello. Alla fine la medaglia d’oro è andata al francese Brian Joubert, secondo il ceco Tomas Verner e terzo il belga Kevin Van der Perren. Joubert ha collezionato un  quad-doppio toeloop, un triplo axel e sei altri tripli salti nel suo "Unforgiven" e "Noting Else Matters". Il leader dopo lo short Tomas Verner è sceso subito dopo, ma i suoi errori soprattutto sui salti non gli hanno permesso di sopravanzare Joubert. L’ottimo "Pirates of the Caribbean" di Kevin Van der Perren ha sottolineato come questo sia un grande campione.Ottimo anche il 7°posto finale di Karel Zelenka, che permetterà il prossimo anno di portare agli Europei di Zagabria 2008 un altro atleta azzurro.
Nelle coppie vi è stata guerra aperta tra le tre medagliate, con, alla fine, l’oro al collo dei francesi Isabelle Delobel/Olivier Schoenfelder, i quali tuttavia, non hanno proposto il miglior libero della serata. Secondi la prima coppia russa Oksana Domnina/Maxim Shabalin, con Maxim che rappresenta comunque il vero fulcro di questa coppia. Terzi i Campioni del Mondo 2006, i bulgari Albena Denkova/Maxim Staviski, che, personalmente, hanno pattinato il miglior libero. Piccola paura per gli italiani Federica Faiella/Massimo Scali, quando su un sollevamento di lei, Massimo è scivolato picchiando la testa: meno male che non ci sono state conseguenze, ma questo li ha rilegati in sesta posizione. Ottimo invece il piazzamento per l’altra coppia azzurra, Anna Cappellini/Luca Lanotte, che hanno chiuso il loro primo Europeo da Senior all’8° posto. Unico rammarico nella danza è quello di non poter schierare tre coppie ai prossimi Europei, visto che la somma dei piazzamenti delle due coppie italiane fa 14, e per schierarne due l’anno prossimo la somma doveva essere 13.
Per quanto riguarda l’individuale femminile, CAROLINA KOSTNER E’ CAMPIONESSA EUROPEA 2007! Dopo un corto in cui era a soli 3 centesimi dalla svizzera Sarah Meier, complice un Lutz solo doppio, nel libero, anche qui però con solo un singolo Rittberger, è riuscita a sopravanzare la svizzera e a conquistare il primo oro nella storia del pattinaggio individuale femminile. Terza ha concluso la brava oltre che bella finlandese Kiira Korpi, con la squadra finlandese che ha piazzato tre atlete nei primi 10 posti: Korpi terza, Poykio quarta e Drei sesta. Da sottolineare, infine, l’ottimo libero di Valentina Marchei, il terzo finale, che le è valso il 5° posto finale, risalendo ben 7 posizioni in classifica (era infatti 12a dopo il corto).
 
                     
Le immagini del programma lungo
 
 
                             
………………E finalmente la gioia può esplodere!!!
 
Come sempre, i video sono reperibili sul nuovo fsvideos.com
 
Questo il sito ufficiale della manifestazione
 
Questo il sito ufficiale dell’impianto dove si sono svolte le gare

 
 
Le gare hanno avuto luogo presso l’"Torwar Ice Rink" di Varsavia, Polonia.

 

Laura e Anna, due stelline agli Europei
Campionato di figura sul ghiaccio a Varsavia, in pista le comasche Magitteri e Cappellini
 
VARSAVIA – Due le atlete comasche iscritte a questa edizione degli Europei di pattinaggio che iniziano oggi a Varsavia: con Anna Cappellini – nella senior di danza, in coppia con Luca Lanotte-, c’è Laura Magitteri che farà coppia nei senior di artistico col ceko Andrei Hotarek. Dopo i campionati italiani di Trento, Laura Magitteri e Ondrej Hotarek erano in pista a Oberdstdorf (Germania) con il loro allenatore Karel Fajfr, mentre Franca Bianconi assiste la coppia durante gli allenamenti sulla pista di Sesto S.Giovanni. Quanto mai gradito il ritorno di una coppia azzurra sulla scena internazionale che ha visto le ultime esibizioni italiane di questa specialità nel 2002 (Olimpiadi di Salt Lake City) ad opera di Michela Cobisi-Ruben De Prà. Il pattinaggio artistico in coppia è specialità difficile ed anche relativamente pericolosa. Accanto alle qualità tecniche naturalmente richieste ai pattinatori, il partner deve esibire una discreta prestanza atletica poiché salti lanciati, sollevamenti e rotazioni aeree gravano sulle sue spalle mentre la pattinatrice, oltre ad essere particolarmente leggera, deve possedere qualità acrobatiche per agevolare salti lanciati, sollevamenti e spirali della morte. Caratteristiche che il background agonistico di Laura Magitteri (18 anni di Como-Breccia) sembra particolarmente evidenziare con i suoi trascorsi nella ginnastica artistica dove all’agonismo esordì all’età di sette anni (allenata da Laura Rizzoli per la Polisportiva Carnini del presidente Francescucci). Due anni dopo vinse il titolo tricolore di categoria e si trasferì alla Brixia di Brescia. Ma una visita a Casate fece crescere in lei una nuova passione per il pattinaggio su ghiaccio. Con l’assistenza dei tecnici del Gruppo Giovanile Ritmico di Como, recuperò in fretta un gap di tre-quattro anni, superò velocemente i test di categoria e debuttò nella Junior nazionale di artistico individuale. Durante uno stage a Oberdstdorf nell’estate del 2005 avvenne l’incontro fatale: la signora Bianconi intuì che Laura ed Ondrej potevano essere “molto compatibili” ed organizzò delle prove che diedero esito positivo. Ai campionati Europei si presenteranno senza un’esperienza agonistica (al loro attivo solamente la partecipazione ad una gara internazionale a Nizza) e sono ben consapevoli che potranno solamente ammirare i mostri sacri di questa specialità (come i tedeschi Aliona Savchenko-Robin Szolkowki, i russi Maria Petrova-Alexei Tikhonov e Julia Obertas- Sergei Slavnov). Anna Cappellini, dopo l’oro alle Universiadi, si presenta a Varsavia molto caricata, anche dai suoi tecnici. Da un paio d’anni ha preso piede la Scuola del Forum e l’Ice Academy è la società in cui pattina da un decennio Anna Cappellini. Roberto Pelizzola in questo club è il "Grande Maestro" , con lui collaborano Barbara Riboldi, Cristina Mauri e altri insegnanti. Roberto Pelizzola ha pattinato molti anni con Isabella Micheli di Montano Lucino, proprio sulla pista di Casate. Singolare il modo in cui Anna Cappellini lasciò l’artistico, specialità in cui vinse anche una gara regionale a Varese, per passare  poi alla danza. «Anna iniziò a Casate con Andrea Savorgnano – ricorda l’esperto Walter Erba – quando aveva 6 anni e pattinava per il Ggr Como. Nel corso di un ritiro estivo a Piazzatorre si ruppe una tibia e rimase lontana dalla pista un bel po’. Aveva 8 anni quando andammo a Courmayeur, dove si allenavano anche le coppie affidate a Roberto Pelizzola, fu lì che decise di cambiare specialità non sentendosela più di rischiare su quella gamba. Ma s’intuivano già le qualità di Anna». L’allenatore Roberto Pelizzola che in passato ha lavorato anche per Barbara Fusar Poli-Maurizio Margaglio non ha dubbi sul futuro della coppia: «Anna e Luca hanno tutte le carte in regola per fare un’ottima carriera».   
(da un articolo della Provincia di Como del 23/01/2007)
 
PATTINAGGIO In coppia con Lanotte è nona dopo la prima prova – Nell’artistico esordio positivo anche per la Magitteri
La Cappellini danza agli Europei: che bella emozione
VARSAVIA La prima volta di Anna Cappellini-Luca Lanotte agli Europei, pochi giorni dopo lo splendido successo siglato alle Universiadi, costellato di molte luci e tanto entusiasmo: non solo per il riferimento alla personalità ed agli aspetti tecnici  evidenziati dalla coppia, subito al nono posto (27 coppie in gara). Non poteva esserci miglior esordio: bravissimi nell’interpretare al meglio il programma di un ballo che per i due esordienti fra i senior rappresentava una novità. Fortunati nel sorteggio, essendo inseriti nel quinto gruppo a scendere in pista, lo sono stati un po’ menoper la qualificatissima serie di avversari di grosso calibro che si sono ritrovati nel loro gruppo. Quello che avrebbe potuto rendere più difficile la loro prestazione. Invece hanno lasciato la pista del Torwar Sport Hall (semideserta per verità) soddisfatti per quanto evidenziato al termine della Compulsory Dance (danza obbligatoria). Volto disteso e soddisfatto al termine di Roberto Pelizzola (istruttore), che crede molto nella coppia come della coreografa russa Ludmila Vlasova. Anna e Luca, elegantissimi, belli a vedersi, niente affatto emozionati, nel golden waltz hanno dato ieri un brillante saggio di quanto siano migliorati in così breve tempo: personalità, precisione e grande disinvoltura nel proporre il golden waltz. Senza indecisioni hanno avuto solo un breve rallentamento nel corso del passaggio dal primo al secondo schema di esecuzione, sempre con una interpretazione ed una qualità della pattinata notevole oltre che molto pulita. Nel corso della seconda prova del Grand Prix, al Mosca Sport, avevano ottenuto  28.12; ieri hanno miglioratoportando il punteggio di merito a 28.92 e nella classifica generale sono noni. Ora gli ungheresi Nora Hoffman-Attila Elek (30.64) e Kristin Fraser-Igor Lukanin (Aze) con 29.69 dovranno guardarsi da un possibile ritorno di Anna e Luca nelle due prove successive:  danza obbligatoria (domani alle 13.30) e danza libera (venerdì alle 18.30). Anna e Luca, superato il primo esame possono migliorarsi. Per la prima volta dagli Europei di Vienna, vinti da Fusar Poli-Margaglio, abbiamo due coppie italiane nelle prime dieci: Federica Faiella-Massimo Scali (34.53) sono al quarto posto. In serata ottima prestazione anche dell’altra comasca Laura Magitteri (una sola incertezza sul doppio axel) che con il ceco Hotarek nell’artistico ha ottenuto la nona posizione con 43.82 nel "programma breve",  in pista 14 coppie.
(da un articolo della Provincia di Como del 24/01/2007)
 
PATTINAGGIO Ieri l’ultima giornata di artistico a Varsavia. Oggi riprende la danza
Magitteri contenta. Ora tocca alla Cappellini
VARSAVIA Stagione da non dimenticare per le giovani leve del pattinaggio, anzi tutta da incorniciare a livello nazionale.
In questi Europei, all’ottima prova di Anna Cappellini, nona martedì pomeriggio con Luca Lanotte al termine della danza obbligatoria ed il pari (nono posto) di martedì sera di Anna Magitteri- Ondrei Hotarek. Ieri si sono  avute altre due conferme.
Quella di Karol Zelenka nel singolo di artistico maschile che nel programma breve è stato superbo (più di 64 punti + 9 oltre il suo primato personale) ottenendo la settima posizione. Ma le ragazze comasche del gruppo degli azzurri sono quelle che hanno convinto di più, confermando di avere mezzi tecnici ed atletici per fare ancora meglio. Anna la rivedremo in pista nel primo  pomeriggio di oggi (13.30 diretta su Rai SportSat e Eurosport) con Luca, nel tentativo di agganciare e forse anche di superare gli ungheresi Nora Hoffman- Attila Elek (settimi con 30.64) che Kristin Fraser-Igor Lukanin (Aze)  con 29.69. Anna e Luca con la danza obbligatoria ed il “Tango” hanno una carta in più da giocare.  Laura Magitteri ha invece concluso ieri sera con la seconda uscita la partecipazione a questi Europei. Solo tre settimane  fa hanno saputo che sarebbero stati iscritti. Sono andati oltre le più rosee previsioni. Dopo l’ottima prova nel corto ieri sera nel libero hanno eseguito un programma pulito, splendido per ritmo di pattinata, sollevamenti, passi, trottole e posizioni ad angelo, senza errori e mai un’incertezza anche nei salti lanciati: il tutto ha fruttato l’ottavo posto finale su 14 coppie.
(da un articolo della Provincia di Como del 25/01/2007)
 

PATTINAGGIO Con una nuova eccellente prestazione nella seconda uscita Anna e Luca sono saliti all’8° posto
Cappellini, altro passo avanti agli Europei.
VARSAVIA Con un’altra prestazione eccellente nella seconda uscita in questi Europei, che riservava ieri pomeriggio con la danza originale il tango, Anna Cappellini e Luca Lanotte, sulla pista scorrevolissima della Torwar Sport Hall (finalmente affollata non solo di sostenitori di parte), hanno sorpreso un po’ tutti. Ottavo posto al termine dell’originale che ha permesso loro di risalire di una posizione in classifica (78.70 punti), dopo aver superato Kristin Fraser-Igor Lukanin (78.20)  la coppia dell’Azerbaigian.
C’è poi anche uno spiraglio concreto con un buon libero di riuscire ad agganciare gli ungheresi Nora Hoffman- Attila Elek (81.47) valutando l’exploit riuscito loro in questo programma. Con 27.42 punti, come esecuzione tecnica, Anna e Luca sono stati inferiori solo ai francesi Delobel- Schoenfelder, in testa alla generale, e alle coppie russe Domnina-Shabalin e Khokhlova-Novitski  rispettivamente seconda e quarta. E questo la dice lunga sulle capacità della seconda coppia  azzurra che non si trova molto distante dalla prima: Federica Faiella-Massimo Scali sono infatti quinti. Così restando la situazione,  ai prossimi Europei l’Italia potrà avere anche una terza coppia. Luca era soddisfatto al termine, come il loro allenatore Roberto Pelizzola, Anna non lo appariva del tutto, perché sempre puntigliosa e capace di valutare e rivedere  mentalmente l’intero programma. Virtù che la contraddistingue. Peccato che non potendo vantare dalla  loro un pizzico di esperienza in più, ad abbassare la media generale del  punteggio subentrino altri elementi; dal Program Component Score con coreografia e interpretazione, comunque già a livello ottimale, ma negli avversari trattati dalla giuria (12 i componenti) decisamente  con un occhio di maggior riguardo, in virtù sia dell’anzianità di partecipazione alle gare quanto di frequenza agli Europei. Per una coppia esordiente si  può ben dire che a due terzi degli impegni trattasi di una performance di grande effetto,  sia tenendo conto della  giovane età (19 e 21 anni) quanto delle prospettive che si aprono per il futuro cominciando dai prossimi  Mondiali di Tokyo e con occhio più lontano a Vancouver.
Nel frattempo, la rincorsa alle medaglie vede estromessi dal podio Faiella-Scali (quarti) con difficoltà per i bulgari Albena Denkova- Maxim Staviski (terzi) a insidiare da vicino i russi Oksana Domnina-Maxim Shabalin  (secondi) e i francesi Isabelle Delobel-Olivier Schoenfelder ieri super nell’evidenziare con grande compostezza, anche espressività e sicurezza nel proporre la danza originale. Oggi programma corto (dalle 12.15) con l’esordio di Carolina Kostner e Valentina Marchei, stasera (18.30-20.30) ultimo atto della danza libera per le prime 24 coppie, con Anna e Luca.
(da un articolo della Provincia di Como del 26/01/2007)
 
Dice la comasca qualificata per i Mondiali:: «Resto a Varsavia a tifare per Anna»
Che tifo per la Magitteri: sito web del GGR intasato
VARSAVIA – Appena un mese fa non avrebbe mai pensato di partecipareai Campionati Europei; oggi si sente  realizzata e convinta della scelta fatta di pattinare insieme a Ondrej Hotarek». L’attesa e le difficoltà non sono poche. «Il transferd card per comporre la coppia tardava a pervenire dall’ISU (International Skating Union) dopo il sì dato dalla federazione ceka per Ondrej – dice oggi Laura Magitteri – e la gara di Oberstdorf per la Nebelhorn Trophy sulla pista dell’Eissportzentrum rappresentava per noi, il 28 e 29 settembre, una specie di esame finale e il debutto ufficiale dopo  tanti allenamenti nel corso dell’estate. Siamo rimasti purtroppo al palo e abbiamo rinviato l’esordio». Che c’è stato a novembre: «Abbiamo continuato ad allenarci intensamente al PalaSesto, ma verso fine ottobre mi sono infortunata  seriamente a un ginocchio. Fra mille tentennamenti e avvertendo non poco dolore abbiamo disputato ugualmente la gara della Città di Nizza classificandoci terzi. Subito dopo però gli accertamenti al ginocchio hanno dato la conferma della frattura della rotula e sono rimasta ferma più di un mese. La ripresa è stata lenta e difficile». Gli assoluti di Trento un trampolino di lancio. «Abbiamo pattinato bene convincendo i tecnici a iscriverci agli Europei». Inserendo nello short-program un doppio axel. «Quello che è mancato l’altra sera nel mio libero; Hotarek l’ha fatto, a me non è riuscito. E sì che non ci avevo pensato e non avevo dubbi nel doverlo effettuare, ma è così: l’ho mancato». Emozioni? «Mi ha fatto piacere il messaggio di Andrea (il fratello di 28 anni, dieci più di Laura) che si è complimentato già dopo il programma breve.Poi l’ho sentito: si era emozionato molto mettendosi a piangere». Ora? «Mi godo tutte le altre gare, da qui sino al Gala, e in particolare farò il tifo per Anna e Luca». Magitteri e Hotarek, col 9° posto di Varsavia (l’ottavo miglior libero), si sono guadagnati un posto sicuro anche per i mondiali di Tokio a marzo. Il sito web del Gruppo Giovanile Ritmico (il suo primo club) addirittura è rimasto intasato causa il considerevole numero di accessi.
(da un articolo della Provincia di Como del 26/01/2007)

 
Emozione Kostner: è una figura d’oro
Emozionante prova della 19enne Carolina che a Varsavia esegue uno splendido programma libero e si aggiudica l’Europeo. E’ la prima pattinatrice italiana a riuscirci 

 

VARSAVIA (Polonia), 27 gennaio 2007 – Carolina Kostner nella storia del pattinaggio su ghiaccio: la 19enne gardenese, come Carlo Fassi nel 1953 e nel 1954 e come Barbara Fusar Poli-Maurizio Margaglio nel 2001, è campionessa d’Europa, prima donna italiana a riuscire nell’impresa nella prova individuale. L’azzurra, dopo il bronzo di Lione 2006 e la delusione olimpica, pattina come solo lei sa fare e dopo il secondo posto del programma corto di venerdì, arriva sul gradino più alto del podio. Il suo libero, eseguito sulle note tratte della colonna sonora del film "Memoria di una Geisha" è pressoché perfetto, sia tecnicamente (con tanto di sette salti tripli di cui tre in combinazione), sia coreograficamente.
La svizzera Sarah Meier, che la precedeva di un’inizia, è battuta. Ma la sfida è stata entusiasmante. Poi, lontane, le altre, tra le quali una Valentina Marchei da sogno: la 20enne milanese, nella rassegna mai oltre il 15° posto, è addirittura quinta. A completare un Europeo che per la delegazione italiana, con sette piazzamenti tra i primi novE, difficilmente avrebbe potuto andar meglio. Su tutti, naturalmente, regina Carolina. L’allieva di Michael Huth ha confermato che, in fatto di talento, non ha eguali. E’ così da quando aveva 12-13 anni. La sua pattinata è magia, la sua grazia da primato.
Finalmente libera da certe pressioni psicologiche che l’avevano limitata la scorsa stagione, ha dato sfogo alla sua classe e alla fine ha fatto risuonare le note dell’inno di Mameli all’interno della Torwar Sports Arena. "Ero nervosa – dice – ma dopo il primo salto andato a segno, mi sono calmata e tutto è diventato più facile. Da lì in poi ho pattinato col cuore. Le esperienze del 2006 mi hanno aiutato, anche quelle negative e questo risultato è la conferma che, insieme al mio team, sto lavorando nella giusta direzione". Prossimo obiettivo i Mondiali di fine marzo a Tokyo: adesso nessun traguardo le è precluso.
(da un articolo della Gazzetta dello Sport del 27/01/2007)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a 22-28/01/2007 – ISU European Figure Skating Championships – Warsaw POL

  1. Baster ha detto:

    ciao volevo avere info su cobisi michela  ruben de pra cosa fanno adesso pattinano ancora? non riesco a trovare info.

  2. Marco ha detto:

    Non mi hai lasciato nessun recapito al quale risponderti, spero tu riesca a trovare qualche informazione tornando da queste parti: Michela Cobisi e Ruben De Pra non pattinano più; sono stati infatti una delle poche coppie d\’artistico italiane, che ha partecipato ai Giochi Olimpici di Salt Lake City 2002 chiudendo al 19° posto finale. Hanno anche ben fgrato all\’Europeo di quell\’anno, con un ottimo 12° posto finale. Hanno vinto la medaglia d\’oro ai campionati italiani del 2001, mentre il loro miglior risultato internazionale è stato un secondo posto all\’Ondrej Nepela Memorial 2001. Oggi Michela insegna essendo maestra Federale, permettendo ad esempio anche agli atleti ipovedenti, tramite l\’Univwersità di Parma, di provare a pattinare. Ruben invece penso sia tornato a Belluno, anche perchè mi sembra che insegni anche lui in un ice rink della sua regione. Infatti tutti e due comunque insegnano ai ragazzini, al Palasesto Michela a Belluno Ruben.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...