Citadinansa Milanès!

DA COMPILARE E RESTITUIRE IN DOPPIA COPIA A CURA DEGLI INTERESSATI


Uffisi immigrasiun
Piasa del Domm, 50
20100 MILAN (PADANIA)
 
EL’ SUTUSCRITT……………………………………………………………………….
 
NAT’ A………………………………………………………………………(TERONIA)
 
EL DI’ DE……………………………………………………………………………
 
FORTUNATAMENT DUMICILIA’………………………………………………………………
 
Vist i risulta’ de le ultime elesiun voeri dumandà se fus pusibil avegh la
 
CITADINANSA MILANES
 
Se dichiara:
– De vess pentiì de vess un TERUN
– De rinegaà tucc i sò urigin meridiunal
– De mangiaà almen du volt al dì la cassoeula e la cutuleta alla milanes
 
Dumandi de pudeè frequentà el curs de Lingua e Cumpurtament Lumbard.
 
Prumett:
– de nun ess puseeè racumandaà,
– de lavurà com un asin, pagaà i tass,
– ciamà men tucc i malnatt balabiott e ciaparatt dei me parent in teronia,
– de fà ,em casin la nott e de tifaà per il Milan, per l’Inter o per la squadra de Bergum!
– De dir no pussè la parola "minchia" ma quand me fan giraà i ball sidarò "VA DA VIA I CIAPP"
 
Ve garantisi che prima de andaà in lett dumandaria perdun a Sua Santità Bossi Umberto e de vutaà per la Lega per i prosim cinc ann.
 
Cun la speransa che la dumanda la vegna acetada, curdialment ve ringrasi.
 
IN FEDE
 
Il Terun sig. ………………………………………………

 
BARZELLETTINA
 
Una famiglia di MERIDIONALI, Padre Madre & Figlio, da anni residenti a Como, si recano dal Gran visir del Cumasc e gli chiedono, ormai stufi di essere sbeffeggiati, cosa devono fare per diventare comaschi fino in fondo.

Il decano, impietosito dalla richiesta, gli svela il segreto:

DECANO: Alura terun, va in sula riva del lac de frunt a Tremez, butes denter e traversel fin sul’isula. quand te saltet fora de l’oltra riva te sarè cumasc. Te capì?

PADRE: Minchia!

La famigliola di corsa si reca a Tremezzo e ad uno ad uno tentano il gesto.

Il padre si tuffa nelle acque del lago nuota ed arriva sulla riva opposta e dice: "Me senti propri Cumasc dal cò ai pè!

Ven scià Pina, moves…

La donna segue le indicazioni e si tuffa : "O Signur… Pino, te ghè propri resun!

Me senti propri una dona cumasca, sun propri cuntenta!"

Manca solo il figlio TANO; il padre e la madre lo incitano a fare lo stesso..

PADRE: Tano, ven scià, butes denter.

FIGLIO: Pà, che minchia dici! E’ fridda, me bagnu a capa e mi si slega u ciuffo cu ‘ggell !

PADRE: ndem fa minga ul ciful, moves!

FIGLIO: Minchia !! C’iaiu friddu comu minchia te lai addiri, nun me capisci ahh?

ADRE: Tè finì de fa el pistola? Butes che se vegni de là te spachi ul cò!

FIGLIO: Miiinchia che palle vafancuuulo attia e lu fiumi.

Il Padre sconsolato si rivolge alla moglie: "Pina, in des minùt che sun cumasc chel terun del’ostia el m’ha fa giamò girà I cujun!…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...