2007 North American International Auto Show – Detroit

2007 NORTH AMERICAN INTERNATIONAL AUTO SHOW –
 
DETROIT, MI – 13-21/01/2007
 
 
Al Salone di Detroit tutte le novità del 2007
Tra i debutti la prima berlina a idrogeno della Bmw, la Quattroporte automatica della Maserati, 
la Porsche Cayenne e la Mercedes Classe C
 
DETROIT – Il Naias, ovvero il salone di Detroit si aprirà, come al solito, all’insegna del kolossal: dal 13-21 gennaio (il 7-8-9 gennaio per stampa e operatori) al Cobo Center di Detroit, sede della rassegna, convergeranno circa 60 case, fra le quali molte europee che porteranno gustose novità.
Ai costruttori yankees e ai nippo-coreani si aggiungono, quest’anno, in forma massiccia anche i cinesi e gli indiani, rappresentanti cioè di paesi industrialmente emergenti sotto il profilo dell’automobile. A questa offensiva, gli americani replicano con dei veicoli di gran mole, adatti a famiglie numerose dedide al turismo anche nomade.
In vetrina anche l’esigenza ambientale con numerosi veicoli ibridi: probabilmente le industrie automobilistiche cercano riparo nell’intransigenza di Bush ad adeguarsi agli accordi di Kyoto. Bellissimo, per contro, il panorama delle ammiraglie e delle sportive dove i designer statunitensi si sono abbastanza europeizzati per far concorrenza agli stilisti nostrani e, di conseguenza, cominciare le esportazioni sul vecchio continente. Ma per lo più i costruttori americani Dodge, Ford, Cadillac, Lincoln e molti altri si sfideranno a colpi di cubature da capogiro. I costruttori europei, comunque, non se ne stanno a guardare. E proprio a Detroit, Maserati e Bmw fanno debuttare due prodotti dald esign raffinato e destinati ad un mercato trasversale, Europa-America, col quale cercano quote di mercato e guadagni.

DA MASERATI – Cominciamo da Maserati che fa debuttare a Detroit la Quattroporte Automatica. Il mercato Maserati negli Stati Uniti aveva incontrato un problema: il cambio. Proprio per uso e mentalità, gli yankees prediligono la trasmissione automatica perché facile da usare anche per guidatori e guidatrici avanti con gli anni che non amano (e non sanno, per la maggior parte) lavorare di frizione. E così, al Motor Show di Detroit, in svolgimento in questi giorni, la Quattroporte presenterà il modello con l’inedita trasmissione automatica. La trasmissione automatica garantisce un elevato comfort di marcia e vanta un’ottima coppia ai medi e bassi regimi. Si abbina inoltre a interessanti novità introdotte dai tecnici Maserati, come il freno di stazionamento elettronico con funzione di freno di emergenza: se attivato, il sistema frena la vettura dolcemente fino all’arresto completo. Il propulsore V8 da 400 cavalli si distingue per il carter in bagno d’olio; la nuova trasmissione automatica, che esalta la progressione del motore ai bassi-medi regimi e non ne limta la potenza, è ora vicina all’unità motrice. Con un bilanciamento nella distribuzione dei pesi che favorisce sempre il posteriore, ma nel rapporto 49/51 anziché 47/53 per cento come nello schema classico Transaxle della Maserati.

 
                      

              La Maserati Quattroporte Automatica                                                                                  La leva del cambio automatica
 

Al Salone di Detroit trionfa il made in Italy

Marchionne fa breccia oltreoceano

Quando lo stile e la fantasia italiana fanno breccia oltreoceano. È successo al Salone di Detroit per il blitz di 24 ore dell’Amministratore Delegato del Gruppo Fiat, Sergio Marchionne, che ha catalizzato l’attenzione generale. Tutti attorno allo stand Maserati dove Marchionne e l’A.D. del Tridente, Roberto Ronchi, hanno presentato la Quattroporte Automatica. E la Ferrari? C’è, ovviamente, in tutto il suo splendore, con tre autentici gioielli: 599 GTB Fiorano, 612 Scaglietti e F430 GT. 

Lo sbarco di Sergio Marchionne al Naias di Detroit nasconde il desiderio dell’artefice del rilancio della Fiat di preparare al meglio il già preannunciato ritorno dell’Alfa Romeo in America, ma non solo. I tempi non sono ancora maturi ("per ora è un sogno", ha detto il manager italo-canadese), ma in futuro è quasi certo che vedremo anche vetture targate Fiat Auto sfrecciare sulle highways statunitensi. Il Biscione dovrebbe avere la sua anteprima già alla prossima edizione del Salone di Detroit con il restyling della 159 e con Brera e Spider. "La commercializzazione – ha confermato Marchionne – scatterà nel 2009 al ritmo iniziale di circa 20 mila unità l’anno. Ci legheremo alla rete distributiva locale della Maserati e in seguito ci aspettiamo che i volumi crescano proporzionalmente e che Alfa si possa muovere in USA autonomamente. Il lavoro per riportare Alfa negli States è già iniziato da un anno e le vetture che stiamo producendo oggi sono ormai in linea con i severi regolamenti locali".

Marchionne si è poi soffermato sulle strategie Fiat nel Vecchio Continente. "Con la Bravo (che lui stesso presenterà a fine gennaio a Roma), il nostro obiettivo di raggiungere e superare l’8 % di quota in Europa diventa più sicuro, più solido. Per ora siamo ancora leggermente sotto questo target e la Bravo colmerà il gap. Ma la penetrazione è destinata ad aumentare dal prossimo settembre quando debutterà la nuova Cinquecento. Potremmo andare oltre l’8 %, anzi entro il 2010 contiamo di superare la soglia del 10 %". L’A.D. ha inoltre ribadito che nel 2007 "il target di utile di Gruppo si attesterà a 1,7 miliardi di Euro, il doppio di quanto annunceremo per l’anno appena passato. Vorrei tanto incassare dagli analisti l’investment grade (patente di titolo azionario poco rischioso, ndr) e le prime reazioni positive ci dovrebbero essere dopo la pubblicazione del bilancio 2006 a fine gennaio. Siamo ancora un paio di gradini sotto, ma procediamo ad una velocità che ha sorpreso anche loro, che tre anni fa ci davano per spacciati. Gli analisti sono rimasti impressionati dal risanamento della Fiat e sono sicuro che modificheranno ancora i loro rating nei nostri confronti". 

"Entro il primo semestre del 2007 vorremmo portare a casa altre due alleanze industriali", ha infine spiegato Marchionne a proposito dei nuovi partner internazionali. Potrebbero essere in Europa e nei mercati asiatici. "Parliamo con tutti lavorando notte e giorno. L’Europa, in particolare, è un capitolo ancora non chiuso e nell’ambito del quale bisogna fare di più". Fiat sta inoltre ancora trattando con la partner indiana Tata per la futura produzione di un’auto low cost. "Come, quando e in quali circostanze questo progetto prenderà forma è ancora in discussione, quindi dovete darci più tempo". Marchionne ha infine accennato al fatto che l’attuale crisi di GM e Ford non fa bene all’industria automobilistica mondiale ("spero ne escano presto") e che il modello da seguire per tutti al momento è la Toyota.


DA BMW – Per BMW, l’anno automobilistico 2007 inizia con una quattro ruote scoperta: la nuova Serie 3 Cabrio. La prima mondiale di questo modello due porte – dotato per la prima volta di un tetto rigido retrattile – rappresenterà uno dei momenti salienti di questo importante salone che aprirà nel cuore dell’industria automobilistica americana. Un’altra attrazione di BMW sarà il nuovo SUV X5, che offre dinamiche di guida superiori con interni ancora più lussuosi; costituirà anche il primo esempio di auto BMW in grado di ospitare fino a sette passeggeri. Inoltre, BMW presenterà al pubblico di Detroit idee molto interessanti per la mobilità individuale del futuro. In questo contesto, esporrà al Naias 2007 la Hydrogen 7, PER LASCIARE GLI ARABI COL LORO CAZZO DI PETROLIO, la prima berlina del mondo funzionante a idrogeno e progettata per l’utilizzo quotidiano. Al top della gamma Serie 3 Cabrio troviamo la nuova 335i , equipaggiata con un motore 6 cilindri in linea da 306 cavalli, con doppio turbo e iniezione ad alta precisione. In Europa, il lancio sul mercato della nuova BMW Serie 3 Cabrio avverrà il 24 marzo 2007.
 
    
                                        La BMW Serie 3 Coupè-Cabriolet                                                                La nuova BMW X5
 
    
                           La BMW Hydrogen 7-Series                                                                       La BMW Hydrogen 7-Series

ALTRE NOVITA’ – Oltre a Maserati e Bmw andranno in passerella la Porsche Cayenne l’attesa Mercedes Classe C. Dall’Oriente giungono invece Huyndai Veracruz, Lexus IS-F, Mitsubishi Lancer, Nissan Rouge e Toyota Tundra CrewMax. Il Naias non è solo rassegna di vetture di serie, ma anche design e creatività. Ben 15 saranno, infatti, le concept car presentate in anteprima mondiale, tra cui Honda Accord Coupe, Jeep Trailhawk, Kia Kue e Mitsubishi Lancer Evolution Prototype. Tra i nomi noti, Chevrolet, Mazda e Ford promettono affascinanti sorprese, mentre Volvo isserà la bandiera svedese grazie alla XC60 Concept.

     
                                  La Mercedes-Benz Concept Ocean Drive                                                  La Concept Mini Clubman
 
               
                                           La nuova Porsche Cayenne                                                          La nuova Mercedes-Benz Classe C
 
Questo il sito ufficiale della manifestazione
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...